Coronavirus, la paura e il Cristiano