Che cosa hanno in comune la pornografia e l’aborto? Parte II